Come illuminare la camera da letto

La camera da letto ormai non è più solo un luogo dove dormire, rilassarsi e prendersi un po’ di tempo per sé; è un ambiente domestico importante e come tale necessita di una giusta illuminazione e anche per questa stanza vi sono innumerevoli soluzioni che uniscono l’estetica alla funzionalità.

Questi 10 consigli vi aiuteranno a raggiungere il sistema di illuminazione più adatto, che rispecchi il vostro gusto e le vostre necessità, e che vi aiuteranno a non sbagliare durante la progettazione dell’illuminazione di uno dei luoghi più personali della vostra casa.

1. Attenzione, occhio alle misure!

È fondamentale che voi abbiate ben chiare le dimensioni della vostra camera da letto, prima di scegliere quali apparecchi luminosi istallare nella stessa. Importanti infatti, sia per l’ampiezza per ciò che riguarda il posizionamento dei mobili principali (quali ad esempio: letto, armadio, comodino ,…) ma anche l’altezza, soprattutto se avevate pensato a un sontuoso lampadario.  Ovviamente, dovrete considerare anche il posizionamento delle finestre che aiuterà a determinare dove installare i punti luce.

2. In questo caso, meglio alti

Considerate che spesso, data la presenza di armadi e il conseguente utilizzo, possedere una soffitto alto è la soluzione ideale per permettere alla luce, solitamente centrale, di raggiungere un’area maggiore. Eppure, non preoccupatevi, anche con soffitti non eccessivamente alti ci sono soluzione che, senza “ombra di dubbio”, permettono di avere una luce diffusa in modo comodo e funzionale; se non vi piace, o non vi è permesso dalle misure della stanza, la classica luce al centro soffitto, ricordatevi di posizionare i punti luce sulle parteti il più in alto possibile e mai ad altezza viso.

3. Come viviamo la camera da letto?

Determinare l’utilizzo di una stanza, in generale, per prevedere l’illuminazione adeguata, è un passo fondamentale e anche la camera da letto non fa eccezione, soprattutto se al suo interno è previsto anche un angolo studio o una cabina armadio. Ad esempio, se amate leggere sotto le coperte o avete l’abitudine di lavorare al PC anche prima di coricarvi punti luce a parete o la classica abat-jour fanno al caso vostro, invece, accanto per esempio allo specchio principale, servirà una luce estesa e intensa che vi permetta di vestirvi, o truccarvi, comodamente.

punti_luce

4. Attenti alla luce

Spesso gli apparecchi di illuminazione destinati alle camere sono molto belli esteticamente, ma attenzione a guardare solo l’aspetto, a volte sfumature colorate o vetri opachi potrebbero rendere troppo fioca la luce, perdendo in funzionalità. Vi consigliamo sempre di testare l’acquisto per assicurarsi che risponda, oltre alle necessità estetiche, anche a quelle funzionali. Inoltre in caso di lampade da comodino, ricordatevi che dovrà essere semplice e rapida nell’accensione-spegnimento, quindi prestate attenzione all’interruttore che dovrà essere comodo e facilmente raggiungibile; nel dormiveglia potrebbe certamente risultare molto fastidioso non trovare il pulsante.

5. Attenti alla testa!

Installare luci sopra al letto e precisamente sopra la testa risulterebbe poco piacevole per svariate ragioni, tra le quali la più legata alla funzionalità della stanza, è che fissare una luce intensa negli occhi, oltre a essere particolarmente fastidiosa a livello fisico, riduce sensibilmente il sonno.

6. I numeri contano

Se ne avete la possibilità, meglio progettare la propria stanza con più punti luce, di cui tre sarebbe il numero perfetto, poiché troppa luce da un’unica sorgente potrebbe essere sgradevole e risultare quasi abbagliante, mentre più sorgenti luminose di potenza inferiore, possono fornire la stessa quantità di luce, ma senza rendersi invasive e raggiungere anche una copertura maggiore, diminuendo possibili fastidiose zone d’ombra.

7. Creare l’atmosfera

Una luce intensa in una stanza così particolare non è sempre consigliata, soprattutto nei momenti di transizione tra il sonno e la veglia, o viceversa. Fortunatamente non è necessario avere sempre la stessa intensità, infatti grazie all’installazione di regolatori o dimmer è possibile modificare, oltre all’intensità, anche la tonalità della luce, adattandola a qualsiasi vostra esigenza.

8. Una chicca

Probabilmente il dilemma mattutino su cosa indossare vi è familiare, e spesso è dovuto al fatto, oltre la sveglia presto, che non è facile vedere i proprio vestiti all’interno dell’armadio. La soluzione è più semplice di quanto possiate immaginare: in fase di progettazione pensate ad un punto luce posizionato dietro all’armadio o leggermente sopra; in questo modo, con la complicità del mobiliere, potrete installare sorgenti di luce interne e con dei semplici micro contatti ad ogni apertura una bella luce illuminerà l’interno senza rischiare che la vostra ombra infastidisca la scelta dei vestiti. Un’unica accortezza, attenzione a non scegliere sorgenti troppo calde che potrebbero rovinare i vostri capi. Ovviamente se disponete di cabina armadio, la questione cambia: in questo caso la scelta di faretti direzionali posizionati al soffitto potrebbe essere un’ottima soluzione.

under-cabinet-lighting-by-kedsum

9. Una bella storiella prima di dormire

Spesso si legge prima di andare a dormire, sia per conciliare il sonno, sia per terminare l’ultimo appassionante capitolo. Se siete tra gli amanti delle lettura, in fase di progettazione vi consigliamo una luce indipendente per ogni lato del letto. Spesso vengono predisposte delle prese comandate in prossimità del comodino (attenzione: 30cm e 60cm sono le altezze standard). Queste prese, comandate da appositi interruttori, permetteranno di accendere-spegnere solo la vostra lampada “da lettura”. Queste tipologie di lampade spesso posseggono già dei pulsanti di accensione, ma a volte risultano scomodi o antiestetici. Di certo quando sceglierete gli apparecchi da comodino, vi consigliamo design snelli e poco ingombranti, magari dotati di braccio per direzionare la luce, senza dover infastidire il sonno di altri. Esistono inoltre, lampade con timer automatici se vi è capitato di addormentarvi mentre leggevate, o in alternativa potete predisporre il posizionamento degli interruttori al centro della testata (se si tratta di un matrimoniale), cosicché sia comodo spegnere la luce senza svegliarvi o scomodarsi dal letto.

10. High-tech solution

Grazie alla tecnologia LED le proposte di illuminotecnica sono svariate e se, saggiamente abbinate a qualche lavoro in cartongesso, permettono di dare vita a interessanti soluzioni di design. Dalle corone lungo il perimetro del soffitto, ai i tagli nelle pareti in cui si posizionano strisce a LED o singoli LED posizionati sull’abbassamento del soffitto per creare un cielo stellato nella vostra camera. La vostra fantasia può creare moltissime soluzioni inaspettate che con i nuovi sistemi di controllo potrete comodamente comandare tutte queste sorgenti luminose dal vostro letto con semplici telecomandi o addirittura tramite il vostro smartphone. Cosa aspettate a contattarci per soluzioni simili? Vai su CONFIGURATORE.

3081foto_2320